Privacy e regolamentazione europea su GDPR.net

Uno degli argomenti più di attualità, in questi tempi di profonda digitalizzazione delle informazioni, è certamente quello della Privacy su internet. La tutela dei dati personali è divenuta infatti negli ultimi anni di notevole importanza, soprattutto grazie della sovraesposizione delle informazioni sul web. Il rischio che si corre in rete  infatti, oltre alla pubblicazione dei dati, è legato soprattutto all’intrinseca capacità di diffusione capillare di questo mezzo, in quanto qualunque dato, una volta immesso sul web, diventa immediatamente fruibile da chiunque e in qualunque parte del mondo. Nella Costituzione Italiana il diritto alla privacy è diventato un argomento centrale, tanto da aver portato addirittura l’intera Comunità Europea a stipulare un Nuovo Regolamento a tal proposito. Infatti, il diritto alla cancellazione dei dati personali fu approvato già il 25 gennaio 2012 dalla Commissione Europea, la quale espresse la proposta di un regolamento sulla protezione dei dati personali. Successivamente la Commissione Europea è tornata sull’argomento, emanando difatti Il 4 maggio 2016 il regolamento dell’Unione Europea n. 2016/679, o GDPR (ovvero General Data Protection Regulation), che assume un’importanza centrale in termini di riservatezza e privacy e che entrerà in vigore dal 25 maggio 2018. Il diritto alla cancellazione dei dati personali rappresenta di fatto uno dei diritti più importanti per il nuovo Regolamento, che viene denominato sotto il termini di Diritto all’Oblio ed è trascritto all’interno dell’art. 17 comma 1 del GDPR 2018.

L’art. 17, il cui titolo è “Diritto all’Oblio (Diritto alla cancellazione dei propri dati personali)” indica in un certo senso la possibilità di chiedere una revoca del consenso trattamento dei dati personali. A sua volta, a fronte di una richiesta motivata, il titolare del trattamento dei dati, ha l’obbligo di rimuovere i dati dal web se i sussistono i seguenti requisiti: “i dati personali non sono più necessari rispetto alle finalità per le quali sono stati raccolti o altrimenti trattati; i dati personali sono stati trattati illecitamente; i dati personali devono essere cancellati per adempiere un obbligo legale previsto dal diritto dell’Unione o dello Stato membro cui è soggetto il titolare del trattamento; i dati personali sono stati raccolti relativamente all’offerta di servizi della società dell’informazione”.

Potrebbero interessarti anche...